CRAGGANMORE

Apertura Distilleria Capacità Malting Floor Tipo di Washbacks Numero di washbacks Numero di Spirit stills Numero di Wash stills
1869 1.65 Milioni di litri / Pino dell'Oregon 6 2 2
La distilleria Cragganmore è situata sulle rive del fiume Spey ed è la casa di uno dei più complessi e caratteristici malti di whisky della regione dello Speyside.

Quando nel 1869 la Cragganmore fu fondata, la terra apparteneva alla Ballindalloch Estate. La famiglia dei Macpherson-Grant, che possedevano il castello e la tenuta per più di 500 anni, concessero al fondatore John Smith un contratto per poter costruire la distilleria.

Nel tempo, la distilleria fu poi presa in mano da George, fratello di John, e poi da Gordon, figlio di John.
Nel 1923, dopo la morte di Gordon, la vedova Mary Jane con in mano la distilleria decise di venderla alla Cragganmore-Glenlivet Distillery Co., di proprietà di Peter Mackie (della White Horse) e Ballindalloch Estate. Mackie vende la sua parte alla DCL ma la famiglia  Macpherson-Grant mantenne la sua quota di proprietà (il 50%) fino al 1965.

Nel 1964, l'anno prima, i distillatore della Cragganmore furono raddoppiati a 4 e nel 1972 furono tutti convertiti in caloriferi a vapore formando una caldaia ad olio.

Cragganmore è uno degli originali 6 Classic Malts di Diageo, anche se non è un gran venditore, i fan devoti lo considerano uno dei migliori esempi dei classici Speysider. Il Cragganmore single malt è anche uno dei contribuenti chiave della Ols Parr blend, lanciato per la prima volta in America Latina nel suo più grande mercato.
  • 1869: John Smith, che era già a capo della distilleria Glenfarclas, fonda la Cragganmore
  • 1886: John Smith muore; il fratello George prende il suo posto alla Cragganmore
  • 1887: 300 barili di Cragganmore lasciano Aberdeen per la prima volta
  • 1893: Il figlio di John, Gordon, si prende la responsabilità delle operazioni alla Cragganmore
  • 1901: La distilleria Cragganmore viene ristrutturata e modernizzata con l'aiuto di un famoso architetto
  • 1912: Gordon Smith muore giovane e sua moglie Mary Jane si occupa della Cragganmore
  • 1917: La distilleria Cragganmore chiude durante la guerra
  • 1919: la distilleria riapre e Mary Jane fece installare la corrente elettrica
  • 1923: la Cragganmore viene venduta alla Cragganmore-Glenlivet Distillery Co. appena nata
  • 1927: La White Horse Distillers viene comprata dalla DCL ottenendo così il 50% della Cragganmore
  • 1964: Il numero delle distillatrici aumenta da 2 a 4
  • 1972: Le 4 distillatrici vengono convertite in caloriferi a vapore
  • 1988: Il Cragganmore di 12 yo diventa uno dei sei selezionati per la United Distillers' Classic Malts
  • 2002: Apre in maggio la Cragganmore Visitor Center
La distilleria Cragganmore è dotata di una full lauter mash tun in acciaio inossidabile da 6.8 tonnelate e 6 washbacks in legno di pino dell'Oregon con 60 ore di fermentazione.
Alla Cragganmore ci sono 2 grandi wash stills con lyne arms bruscamente discendenti e 2 spirit stills considerabilmente piccoli con sfere di ebollizione e lyne arms lunghi e leggermente discendenti.

La distilleria Cragganmore può contenere fino a 1,65 milioni di litri d'alcool.

I prodotti principali della distilleria Cragganmore sono:
  • 12 yo
  • Distiller's Edition
  • 25 yo
  • 43 yo
  • Distillery exclusive
  • Special Vatting

Image source: malts.com